Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Autorizzazioni e valutazioni ambientali

 
 
 

La procedura di valutazione dell'incidenza ambientale (VIncA)

Integrazione della procedura di valutazione di incidenza ambientale all'interno delle procedure di VAS.

Nel caso in cui un piano o programma interessi, anche parzialmente, o possa determinare effetti su uno o più Sito di Importanza Comunitaria (SIC) e/o Zone di Protezione Speciale (ZPS) è necessario attivare la procedura di valutazione dell'incidenza ambientale (VIncA). Tale procedura è ricompresa in quella di VAS nel caso in cui il piano o programma sia sottoposta a tale disciplina. In tal caso Servizio conservazione della natura e valorizzazione ambientale, competente in materia, è tenuto al rilascio di uno specifico parere sul piano o programma. Ai fini procedurali nulla cambia, in quanto tale parere viene acquisito nella fase istruttoria normale, insieme agli altri.

 

Documentazione

La documentazione relativa alla VAS deve quindi essere accompagnata anche da una relazione di incidenza ambientale, che costituisce un documento autonomo rispetto a tutti gli altri. La relazione deve essere sottoscritta da un professionista laureato in discipline ambientali o forestali ed abilitato ai sensi della vigente normativa.

La relazione va strutturata nel seguente modo:

  1. dati principali (codice e denominazione) di SIC o ZPS interessati;
  2. descrizione sintetica delle caratteristiche tecniche e fisiche del piano o programma nonché delle fasi di realizzazione;
  3. descrizione del sito Natura 2000 interessato e individuazione (con codifica) degli habitat di interesse comunitario, delle condizioni esistenti e delle dinamiche in atto;
  4. individuazione delle specie (animali e vegetali) con riferimento all’allegato 2 della Direttiva Habitat e all’allegato 1 della Direttiva Uccelli, e descrizione delle condizioni esistenti e delle dinamiche in atto;
  5. descrizione del tipo di incidenza su specie e habitat, prioritari e non, con valutazione degli effetti cumulativi con altri piani e/o progetti già realizzati o previsti;
  6. descrizione delle misure di mitigazione dell’incidenza;
  7. descrizione delle eventuali alternative e delle motivazioni che ne determinano l’eventuale accantonamento;
  8. descrizione delle motivazioni che rendono comunque necessaria la realizzazione del piano o programma a seconda che l’incidenza negativa (dopo l’applicazione delle mitigazioni e la valutazione delle alternative) sia su habitat e/o specie prioritarie (motivi di salute e sicurezza pubblica, esigenze di primaria importanza ambientale, altri motivi di rilevante interesse pubblico) oppure su habitat e/o specie non prioritarie (motivi imperativi di interesse pubblico, di natura sociale, di natura economica);
  9. descrizione delle misure di compensazione individuate a seguito di incidenza negativa.
 
 
 
credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy